Venerdì 25 Marzo 2011 – O. V. – Giornale "La Sicilia"

Insorge la minoranza: «Il sindaco verifichi le accuse»

SANTA VENERINA. – Il licenziamento dell’assessore Ivan Siragusa «è solo l’ultima manifestazione eclatante dei problemi della terza amministrazione guidata da Enrico Pappalardo », il quale dovrebbe spiegare «quali sono i veri motivi che hanno portato all’estromissione di Siragusa e se ha accertato, all’interno della sua giunta e della sua maggioranza, l’esistenza dei comportamenti censurabili segnalati da quest’ultimo». Lo chiede il gruppo consiliare di minoranza "Liberi per", esprimendo preoccupazione per le accuse «pesantissime ed apparentemente circostanziate » lanciate dall’ex assessore, soprattutto in riferimento al redigendo Piano regolatore generale. Proprio in merito al Prg, Liberi per ribadisce che si opporrà «a tutte le ipotesi che prevedano un uso incompatibile delle zone di pregio vocate alla produzione vitivinicola e doc in particolare producendo spaventose forzature alle direttive consiliari; che non prevedano la tutela e la valorizzazione dei beni di pregio e strategie per la rivitalizzazione del centro storico; che avallino lo scempio del consumo di territorio con finti magazzini rurali e finte attività produttive; che concentrino le poche zone di espansione previste in una o poche zone del paese o peggio ancora in poche proprietà fondiarie, che antepongano gli interessi dei singoli agli interessi generali». Non è vero, afferma il gruppo, che con l’ex assessore è stata rimossa l’unica opposizione, cioè quella interna: «Liberi per si oppone fortemente - sostiene - all’immobilismo che questa giunta ha dimostrato: nessuna programmazione; totale incapacità di attingere ai canali di finanziamento europeo; nessuna vera soluzione ai problemi più importanti del paese (per esempio ricostruzione e acqua potabile)». E siccome l’allontanamento di Siragusa «non sana i problemi e le carenze dell’amministrazione», Liberi per «resta indisponibile a fare da stampella ad un progetto politico-amministrativo fallimentare». Anche Fli interviene sulla vicenda e chiede da un lato, all’amministrazione, la massima chiarezza rispetto alle ombre gettate da Siragusa, dall’altro, al sindaco, di azzerare la Giunta e iniziare un nuovo corso politico-amministrativo.